Pubblicazioni e Collane

Collana Memoria

copertinaTitolo: Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Autore: Cesare Di Vincenzo
ISBN: 9788874429141

Prezzo: € 18,00

Anno: 2020
Pagine: 208
Formato: 14,8x21
Foto / Illustrazioni: sì, colore

 


 

Descrizione - Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani

A Castania le pietre parlano Ovunque, intorno, vedi pietre: pietre acconcie nella muratura delle case, grandi pietre ben solide e squadrate ai cantonali; pietre scalpellinate a far da stipiti agli in­fissi con archi tondi e chiave di volta o con archi a sesto ribassato, splendidi portali lavorati con estrema raffinatezza, pietre a comporre il lastricato delle strade. Di pietra sono i muri a secco delle terrazze. Pietre infisse con incise piccole croci per demarcare confini e croci di pietra sulle tombe; pietre cave per fontanili o per modesti truogoli, grandi mole di pietra per macinare o mole per affilare, pietre lavorate a bocciarda per grandi scalinate, pietre scolpite con arte e maestria per colonne tortili, paraste, architravi, capitelli ed altari. Pietre rifinite a facciavista per sobri rivestimenti di interni monumentali. Parlano tutte, e raccontano di fatiche eroiche di intere generazioni impegnate a spietrare i suoli alluvionali per ricavarne coltivi, costruire muri, case, strade, chiese e conventi; parlano per ricordarti l’antica saggezza di un popolo operoso e geniale capace di plasmare con amore e perizia quest’umile materia dandole vitalità e risalto per riaverne beneficio materiale e godimento spirituale. Spesso incontri enormi massi affioranti e talora lettiere acclivie intatte, o cave abbandonate che sembrano offrirsi per un nuovo impiego: eppure restano lì, invitanti ed immobili, senza che nessuno le cerchi. Le pietre sembrano mute, ed invece parlano. Se non riusciamo a sentirle, la colpa non è loro, ma certamente nostra ché non ne abbiamo ancora compreso il linguaggio. Sullo sfondo di un microcosmo siciliano di cinquant’anni fa ed oltre agiscono una serie di personaggi san­guigni ed espressivi, protagonisti di storie spesso paradossali, ma cariche di una sicilianità vissuta con originalità e con ironia quasi pirandelliana. A margine della rassegna di personaggi pittoreschi, quali pa­trizi in decadenza, sindaci carismatici, avvocati furbastri, sarti maldestri, conzaossa autodidatta, agricoltori poeti ecc., affiora l’amarezza di vedere le borgate spopolarsi, triste presagio del prossimo disfacimento della cultura e dell’identità di un popolo. Sul piano formale, la scioltezza della narrazione non trascura il re­cu­pero morfologico della “parlata”, fatto questo assai prezioso in un mo­mento di appiattimento della lingua, dei dialetti e dei modi di dire. E che la proposta di non im­mo­larsi al “nuovo” e di non farsi omologare e travolgere dal “tecnologico” provenga proprio da un ma­nager in­formatico, sensibilissimo al know-how, non è fatto insolito, stante che, sovente, tra gli uomini e le cose si stabiliscono rapporti di odio-amore complessi, profondi ed inspiegabili. Nota introduttiva di Melo Freni

L'Autore - Cesare Di Vincenzo

Cesare Di Vincenzo, nativo dei Nebrodi, dove è fortemente radicato, ha operato nel management informatico e bancario e nel mondo sindacale. Si considera soprattutto un agricoltore dato in prestito per una lunga stagione agli Host computers ed alle banche. Da qualche anno, scaduto l’ingaggio, ha fatto ritorno alle radici e vive tra Palermo, Messina e le terre di Castania, che si ostina a coltivare con metodi tradizionali, costringendo moglie e figli, con al seguito cane e gatto di casa, a frequenti spostamenti più somiglianti a mezzi traslochi. Ama la natura, il latino, la gente semplice, le belle donne, le vecchie auto, la poetica dantesca e quella dei cantastorie siciliani. Ha scritto questo libro, carico di “sicilianitudine”, preoccupato che, con il venir meno della “oralità”, si stia anche disperdendo un patrimonio di piccole storie, di fatti e di personaggi ancora vividi nella memoria locale, ma purtroppo già condannati al­­­l’oblìo dalla massificazione culturale. Ha promesso che, dopo questo libro, difficilmente ne scriverà altri di pari argomento, ma spera che qualcuno scopra il piacere di continuare a narrare le storie e le vicende umane di questo particolare angolo di Sicilia.

Della stessa Collana Memoria

Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Silvano Messina
Antichi mestieri nella Sicilia del Novecento
Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Salvatore Campanella
Asini preti cantastorie in Racalmuto, la
Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Rosa Perupato
Aneddoti e tradizioni di un tempo che fu in un paese di origine albanese: Lungro
Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Cesare Di Vincenzo
Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Salvatore Curtò
Il Principe del Podio
Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Giuseppe Giaimi
Pietro Cuppari
Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Gerardo Talio
L'ultima spadara
Le pietre parlano. Paradossali vicende di pittoreschi personaggi siciliani
Raquel Victory
All or Nothing. La rabbia repressa. 1962-1969 viaggio nella beat generation

Altri libri della stessa collana Memoria