Pubblicazioni e Collane

Collana Poesia

copertinaTitolo: Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Autore: Francesca Spadaro - Gemino Calà
ISBN: 9788874428694

Prezzo: € 20,00

Anno: 2018
Pagine: 164
Formato: 14,8x21
Foto / Illustrazioni: sì, a colori

 


 

Descrizione - Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco

«... Era l’ora del Vespro, quando il cielo par che trascolori e me­sti rintocchi di campana sa­lu­tano il dì languente che muore. S’adombrava la città, in mura di pietra, barricata. In fulminee saette e fragor di boati, l’afa umi­da scaricò dardi di pioggia. Come bestie boschive in folle cor­sa lanciate, gli arcieri in vigilia sull’altura della Caperrina disertarono. Il dì 8 di Agosto dell’Anno Domini 1282 correva ...». «... Tra tanti possibili testimoni dell’eternità probabile, c’è, in primis, l’area dello Stretto di Messina, là dove lo scorrere dei secoli e dei millenni, gli sviluppi e i viluppi storici, il succedersi delle civiltà, lo scatenarsi dei cataclismi, lo scontro rovinoso delle faglie, gli sconvolgimenti delle guerre, delle pestilenze, della fame, delle carestie, non hanno nemmeno intaccato la morfologia primigenia dei luoghi, né modificato l’arcaica toponomastica, né svuotato di senso i miti primordiali [...] Non è cambiata, col tempo, l’essenza di quel piccolo uni­verso ...» (dalla Prefazione di Giuseppe Rando). «Un ritorno rigenerante alle origini mitologiche e leggendarie di quella porzione di Sicilia arcaica, che è l’area dello Stretto, e alle sue “sorgenti di mare”, in un tempo fuori dal tempo, da cui sgorgano alcune emblematiche fi­gure fondative dell’Isola, icone di verità segrete che sfuggono al pensiero concettuale contemporaneo [...] Un altro benefico effetto collaterale di questo “libretto in prosa, versi e musica”, offerto generosamente ad una pluralità d’uso, da quello didattico-scolastico, a quello della meditata e riflessiva lettura/ ascolto individuale, a quello della messa in scena, dalla forma oratoriale a quella compiutamente teatrale, è, poi, quello di ricongiungersi al pensiero mediterraneo antico, da cui germina la cultura europea, in tutte le sue più nobili espressioni, cui la scrittura di Francesca Spadaro e le “imago sonore” di Gemino Calà tendono “naturalmente”. [...] Il Mediterraneo come luogo elettivo d’incontro delle differenze e dei contrasti, fra trasparenze e oscurità, dove la natura, nel suo essere eternamente cangiante, fa germinare un pensiero in una pluralità di accordi, anche dissonanti, sempre meravigliosamente in bilico fra l’urgenza pragmatica del fare e ordinare e la vertigine ir­resisti­bile della pura astrazione, per andare oltre la gabbia del tangibile, e varcare il confine geografico e mentale, per ritrovarsi con le figure contrastanti del nostro essere più recondito, alla disperata ricerca della strug­gente armonia perduta delle origini, fra terra e cielo, uomo e creato» (dalla Prefazione di Mario Sarica). In copertina: Giuseppe Migneco, Pescatore, olio su tela, 40x50, coll. privata.

L'Autore - Francesca Spadaro - Gemino Calà

Francesca Spadaro, docente di Lettere presso il Liceo Scien­tifico “Archimede” di Messina, ha all’attivo una ricca produzione di versi in lingua italiana e siciliana. Si segnala in particolare la raccolta di liriche Nel giardino del Sé (Armando Siciliano, Messina 2014), un lavoro ricco di un forte impegno sociale che le è valso il Premio “Rosario Livatino” 2015. L’Autrice ha al suo attivo anche una interessante produzione di saggi. Gemino Calà, polistrumentista e docente di educazione musicale nella scuola secondaria, si è diplomato in clarinetto e in musica jazz (conservatorio “Corelli” di Messina). Intrapresa l'attività di ricerca sulle tradizioni popolari, si è specializzato nella conoscenza nonché nell’uso di vari strumenti popolari tradizionali siciliani, la “Zampogna a Paru”, “‘U Friscalettu”, “‘U Marranzanu” ecc. Tale conoscenza ed abilità gli hanno permesso di partecipare ad attività divulgatrici sia a livello nazionale sia a livello mondiale. È un abile co­struttore di strumenti tradizionali agro-pastorali siciliani. Ha parteci­pato a diverse rassegne nazionali prestigiose di World Music e di Jazz. Elvira Bordonaro, diplomata al­l’Acca­demia di Belle Arti, docente di Sculture Ceramiche, esprime nei suoi quadri una forte passione per la vita. Scrive anche poesie in italiano e nel suo dialetto messinese. Giuseppe Corica, docente di lettere in pensione, ha già pub­blicato i romanzi La voglia di me­lagrana (2012), La terra in amore (2013), Cogliam d’amor la rosa (2017) e la raccolta di racconti Quando Antonio guardò il cielo (2015), con Armando Siciliano Editore. L’Accademia della Fu­cina di Mes­sina, sorta del 1639, chiusa nel 1678, rifondata nel 1944, si occupa di recupero e valorizzazione della storia e della cultura cittadine e isolane.

Della stessa Collana Poesia

Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Francesca Spadaro - Gemino Calà
Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Annamaria Citino
3 cuori
Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Floriana Ferro
Il Ventre della Terra
Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Francesco La Mantia
Pietra e Fango
Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Alberta Bellussi
Nel cuore nell'anima
Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Lidia Ferrigno
Pensieri minimi. Tango disarmonico del tempo
Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Claudio D'Audino
Che giornata ... stanotte
Canti dell'aria dell'acqua della terra del fuoco
Alessio Rossano
Paesajazz

Altri libri della stessa collana Poesia